Scuola parentale a indirizzo steineriano

Pedagogia steineriana

pedagogiawaldorfLa pedagogia Waldorf

La pedagogia Waldorf, conosciuta anche come “pedagogia steineriana”, si basa su una comprensione profonda delle fasi di sviluppo dell’essere umano, che si differenziano molto da una età all’altra, seguendo dei ritmi di maturazione di circa sette anni (primo, secondo e terzo settennio).

L’insegnamento mira a sviluppare armoniosamente le tre facoltà dell’essere umano, la volontà, il sentimento ed il pensiero, in modo che l’individualità in crescita possa manifestare appieno le proprie potenzialità e capacità.

Queste scuole danno la possibilità a tutti i bambini di imparare dall’esperienza stessa, in modo che da grandi possano essere degli individui attivi, creativi e liberi, capaci di portare un utile contributo alla trasformazione del mondo.

Il giorno
Ogni giorno le prime due ore della giornata sono dedicate a quelle materie principali che vengono trattate continuativamente per un periodo di circa quattro settimane. Nelle ore successive seguono le materie linguistiche, artistiche, manuali o motorie in cui il maestro di classe può essere sostituito o affiancato da altri insegnanti.
I ragazzi a fine giornata non sono stanchi perché alternando momenti di concentrazione e altri di espansione e creatività, hanno esercitato il pensiero, il sentimento e anche la volontà.

Il mese
Un elemento caratteristico della Pedagogia Waldorf è l’insegnamento ad “epoche in cui nella prima parte della mattina i vari argomenti vengono presentati, sviluppati e approfonditi per circa un mese. Questo metodo offre la possibilità di un lavoro continuativo senza interruzioni, arrivando ad una comprensione più profonda degli argomenti trattati.

L’anno
Il corso dell’anno è scandito dalle festività. Ogni mese viene organizzata una festa, in cui le varie classi presentano agli alunni della scuola e ai genitori ciò che hanno imparato (piccole recite, canti, poesie, canzoni con il flauto ecc…). In autunno, a Natale, in primavera e a fine scuola invece, vi sono delle feste tradizionali in cui bambini, genitori, insegnanti e amici si ritrovano per passare insieme dei momenti di condivisione.

Il piano di studi della Scuola Waldorf ripercorre la storia delle principali conquiste dell’umanità in ogni campo del sapere e accompagna il singolo bambino verso una comprensione vivente del mondo.

Nella pedagogia Waldorf viene riconosciuta pari dignità alle materie intellettuali, artistiche e manuali, con la consapevolezza che dita abili producono anche agilità di pensiero. Per questo, nel corso degli anni, il piano di studi accompagna l’allievo a sviluppare armoniosamente quelle attività in cui si usano le mani, il cuore e la mente.

Educando in questo modo, si mettono le basi affinché ogni bambino possa diventare da adulto un individuo completo, creativo e sensibile, capace di relazionarsi con gli altri e di portare il proprio contributo positivo alla società moderna in continua evoluzione.

575174_404692902906512_355924366_n

Materie d’insegnamento
La pedagogia della scuola steineriana vuole rivolgersi al bambino nella sua interezza, ed educare nello stesso tempo la sua volontà, la sua vita emotiva e il suo pensiero.
Per questo motivo oltre alle materie tradizionali di insegnamento (italiano, storia, geografia, matematica e scienze) si esercitano settimanalmente anche le arti plastico-pittoriche, le arti linguistico-musicali, le attività manuali e quelle di movimento.

Italiano
Ogni giorno nella prima parte della mattina vengono recitate poesie, filastrocche ed esercizi linguistici adatti all’età dei ragazzi, in modo che il linguaggio venga continuamente stimolato e mantenuto vivo. L’approccio alla scrittura in I e II classe avviene tramite dei racconti, in III, IV e V classe si consolidano le strutture grammaticali, per passare poi in VI all’analisi logica e in VII e VIII a quella del periodo. Particolare cura viene dedicata ai componimenti scritti.

Storia
Si affronta nei primi tre anni in modo immaginativo attraverso il racconto di fiabe, storie e leggende. In IV classe si passa alla mitologia nordica, in V alle prime culture orientali, fino ai Greci. In VI classe si trattano i Romani e il Medioevo, proseguendo poi in VII classe con il Rinascimento, la Rivoluzione Francese e giungendo fino al XX secolo in VIII classe.

Geografia
La geografia a sua volta segue un percorso che passa dall’osservazione della natura ad un approfondimento graduale degli argomenti, che in IV classe riguardano da vicino il territorio in cui si vive. Questa conoscenza si espande poi in V studiando i popoli e i territori lontani per risvegliare un sentimento di fraternità, e diventa più scientifico e antropologico dalla VI alla VIII classe.

Lingue straniere
Già dalla prima classe vengono introdotte due lingue straniere, in quanto le forze di imitazione ancora presenti in questa età ne facilitano il naturale apprendimento. All’inizio l’insegnamento avviene attraverso la ripetizione di filastrocche e canzoncine, per arrivare poi all’introduzione degli aspetti linguistici e grammaticali nelle classi successive.

Scienze
Mantengono un connotato immaginativo legato al mondo della natura fino alla III classe. Dalla IV classe si iniziano a studiare antropologia e zoologia, dalla V botanica, dalla VI geologia e fisica. In VII si aggiungono astronomia, chimica, biologia e scienza della nutrizione ed in VIII meteorologia, rispondendo così alla necessità profonda dei pre-adolescenti di accostarsi al mondo e alle sue leggi anche attraverso l’esercizio di un pensiero logico autonomo.

Matematica
La matematica viene insegnata in tutto il ciclo scolastico, accompagnata da esperienze artistiche e di ritmo adatte ad ogni età specifica, con l’obiettivo di radicare a poco a poco nel bambino e nel ragazzo il piacere di imparare, la fiducia nella comprensione, la capacità logica ed il coraggio critico.

Disegno di forme
Il disegno di forme avvicina i bambini alla geometria prima ancora che sappiano usare la riga e il compasso: il bambino di I classe traccia una forma sul foglio dopo averla prima sperimentata con il movimento del corpo. In II e III classe si introduce la simmetria, in IV si sperimentano le forme più complesse della natura, in V ci si avvicina alla geometria vera e propria, che verrà poi studiata dal punto di vista logico, matematico e volumetrico in VI, VII e VIII classe. 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: